Ryanair taglia ancora il tempo in anticipo per fare il check-in: ora è di 48 ore a meno di non voler pagare l’ennesimo extra.

Una scelta che renderà sicuramente ancora meno popolare la compagnia aerea low cost Ryanair i cui prezzi dei voli sono sempre più “tutto escluso”. Questa nuova decisione ha, infatti, generato un vespaio di polemiche e di critiche da parte sei viaggiatori.

In vigore dal prossimo 13 Giugno, sarà possibile effettuare il check-in a partire da 48 ore prima della partenza del volo. Ovviamente questo vale a meno di pagare un extra per acquistare dei posti riservati.

Precedentemente la finestra era già stata ridotta a 4 giorni, contro i 30 dei suoi (sempre più apprezzati) concorrenti come Easyjet.

Prenotare un posto specifico con Ryanair ora si paga a partire da 4 euro fino a 13 per le prime file e 15 per avere più spazio per le gambe. In questo caso si avrebbero a disposizione anche 60 giorni prima della partenza per effettuare il check-in.

Per chi si dovesse presentare al check-in senza carta l’imbarco il costo per stampare la carta d’imbarco in aeroporto è di 55 Euro per gli adulti e 25 Euro per i neonati.

Check-In Ryanair

La nuova policy Ryanair

Le giustificazioni di Ryanair

Ryanair si difende dicendo che queste nuove regole per il check-in daranno più tempo ai clienti che decideranno di acquistare l’opzione per la scelta dei posti.

Ma già in molti sul web stanno polemizzando sul fatto che Ryanair stia intenzionalmente separando i viaggiatori che comprano i biglietti insieme per indurli ad acquistare l’extra per la scelta dei posti.

Insomma, scelte decisamente impopolari che sicuramente avvantaggeranno i concorrenti di Ryanair.