Ecco la classifica delle prime dieci città ecologiche al mondo che puntano in pochi anni a diventare città a zero emissioni grazie alle politiche ambientali.

Reykjavik, Islanda – È considerata la città più ecologica del mondo. Qui infatti si punta tutto sull’energia rinnovabile: dal fotovoltaico all’eolico, passando per l’idrogeno con cui vengono alimentati i bus cittadini. Solo lo 0,1% dell’energia è prodotto da combustibili fossili inquinanti.

Reykjavik, Islanda

San Francisco, California (USA) – È una delle città al mondo con il sistema di riciclaggio e smaltimento rifiuti più all’avanguardia, oltre a un bassissimo livello di emissioni di CO2. Grazie al programma di disposizioni di legge in campo ambientale chiamato Zero Waste, San Francisco punta ad eliminare del tutto l’immondizia entro il 2020 promuovendo il divieto di utilizzo di buste in plastica nei supermercati (100 milioni di sacchetti in meno nelle discariche) e la riduzione dei rifiuti grazie alla lettura di un codice a barra sui rifiuti.

San Francisco, California (USA)

Malmö, Svezia – Questa città svedese punta sulle energie rinnovabili e le aree verdi per raggiungere entro il 2020 l’obiettivo delle zero emissioni. Detiene un primato nel risparmio energetico in campo edilizio e il terzo parco eolico più grande del mondo. Il porto di Malmö già oggi è interamente alimentato grazie a fonti di energia rinnovabili

Malmö, Svezia

Vancouver, British Columbia (Canada) – Grazie a un’edilizia biocompatibile e all’utilizzo per il 90% del fabbisogno di energia idroelettrica, è la città più ecologica del Canada, la seconda di tutto il Nord America e la quarta a livello mondiale. Obiettivo dell’amministrazione pubblica entro il 2020 è rendere Vancouver la città più integrata al mondo con l’ecosistema circostante.

Vancouver, British Columbia (Canada)

Portland, Oregon (USA) – Viene considerata la città più vivibile d’America perchè, grazie anche ad una legislazione ad hoc sulla tutela ambientale, è ricca di parchi cittadini e di piste ciclabili.

Portland, Oregon (USA)

Curitiba, Brasile – La città brasiliana è circondata da boschi e grazie a un migliaio di spazi verdi comunali può offrire ai suoi abitanti una media di 55 metri quadri a testa di verde. Inoltre, il 70% dei rifiuti urbani viene reciclato, 1,5 milioni di alberi sono stati piantati lungo le strade della città e il 75% dei cittadini si muove grazie al trasporto pubblico. Addirittura, le aree verdi in città sono così tante che alcune vengono usate per far pascolare ovini.

Curitiba, Brasile

Copenaghen, Danimarca – La capitale danese, come molte altre del nord europa, sta puntando molto sul trasporto cittadino in bicicletta e punta a raggiungere l’obiettivo di zero emissioni entro il 2025.

Copenaghen, Danimarca

Stoccolma, Svezia – È stata eletta Capitale Verde d’Europa nel 2010 anche perchè viene considerata una tra le prime città al mondo ad aver introdotto disposizioni in materia di riciclaggio dei rifiuti e ad aver ottimizzato la produzione di energia elettrica grazie a fonti rinnovabili. Dal 1990 l’inquinamento da CO2 si è ridotto del 25%, con l’obiettivo di diventare una città free fuel entro il 2050. Oltre il 40% della superficie di Stoccolma è ricoperta da aree verdi.

Stoccolma, Svezia

Amburgo, Germania – È stata Capitale Verde d’Europa nel 2011 e da molti anni è la città tedesca più ecologica grazie alla prassi detta greening, che consiste nel massimo incremento possibile delle aree verdi cittadine grazie alla piantumazione di nuovi alberi e la costruzione di parchi (soprattutto grazie alla riconversione di ex aree industriali). Il trasporo pubblico si muove grazie all’idrogeno e dal 1990 è riuscita ad abbattere il 15% di CO2, che dovrebbe diventare il 40% nel 2020 e l’80% nel 2050.

Amburgo, Germania

Bogotà, Colombia – Caso di successo nell’applicazione di politiche di tutela ambientale, la capitale colombiana si è data un gran da fare nel potenziamento dei mezzi pubblici, nella riduzione degli inquinanti (esiste una tassa sull’uso del gas) e nello sviluppo di circa un migliaio di aree verdi (negli ultimi cinque anni sono stati piantati 80.000 nuovi alberi).

Bogotà, Colombia