Finalmente dal 1 Febbraio anche Ryanair adotterà su tutti i suoi voli la politica dei posti assegnati per tutti in fase di prenotazione.

Termina quindi l’era della corsa al posto, con tutte le inevitabili conseguenze collaterali: code infinite per il posto migliore, corse e spintoni per sedersi e gli ovvi ritardi che tutto questo ha sempre generato.

Questa nuova mossa della regina delle compagnie aeree low cost rientra in un più ampio progetto di ristrutturazione aziendale, nonché dell’immagine della società. Immagine e onorabilità recentemente messa sotto accusa da parte dei suoi stessi passeggeri stanchi, per esempio, delle stringenti, e talvolta assurde, norme sui bagagli a mano.

Le novità – Via quindi a una Ryanair più friendly coi suoi clienti. Si è partiti con il restyling del sito web, l’introduzione di un secondo (piccolo) bagaglio a mano gratuito, tariffe più basse per i bagagli da imbarcare, voli più silenziosi (meno annunci pubblicitari durante il volo) e ora l’assegnazione dei posti per tutti in fase di prenotazione, gratuita.

Resta a pagamento la possibilità di scegliersi il posto a sedere e l’opzione dell’imbarco prioritario. Si pagherà 10 euro per un posto nelle prime file, che danno diritto a un maggior spazio per le gambe e all’imbarco/sbarco prioritario. Si pagherà 5 euro per un qualsiasi altro posto.