Gauthier Toulemonde

Un imprenditore francese è riuscito a fare il suo lavoro in vacanza: da una sperduta isola indonesiana ha guidato la sua azienda grazie a un telefono satellitare e un computer.

Gauthier Toulemonde, questo il suo nome, è un imprenditore francese di 54 anni. A capo di una società che pubblica riviste di filatelia e sul mercato immobiliare con sede a Saint-André-lez-Lille, nel nord della Francia, ha voluto dimostrare con questo esperimento che grazie alle moderne tecnologie tutto è possibile: anche condurre un’azienda con una sede fisica in Francia direttamente dalla spiaggia di un isolotto indonesiano.

Gauthier, per dimostrare che si può fare impresa anche col telelavoro, ha trascorso 40 giorni su uno sperduto isolotto indonesiano di appena 700 metri di lunghezza, a cinque ore di battello dal villaggio più vicino. Equipaggiato solo di un computer, un tablet e due telefoni satellitari alimentati ad energia solare, Gauthier ha lavorato normalmente come se niente fosse dall’altro capo del mondo.

Dall’isolotto il manager è riuscito a inviare gli ordini a suoi collaboratori, grafici e redattori seduti a migliaia di km di distanza. In questo modo è stato in grado di portare a termine il lavoro (la chiusura di un paio di numeri delle sue riviste) nei tempi previsti. Gli stessi che avrebbe impiegato stando in Francia a contatto diretto coi suoi collaboratori.

Unico impedimento il fuso orario.

Tutta l’impresa è stata portata avanti da Gauthier in modo completamente autofinanziato. Ha speso circa 10 mila euro senza nessuno sponsor, solo per dimostrare che grazie alla tecnologia e una connessione internet si può lavorare per chiunque da dovunque… o forse anche per un pò di pubblicità