In accordo a un decreto reale l’Arabia Saudita cambia il weekend: si passa a Venerdì e Sabato.

Era rimasto uno degli ultimi paesi musulmani del Medio Oriente ad avere la settimana lavorativa ancora dal Sabato al Mercoledì con il weekend quindi da Giovedì a Venerdì. Ora grazie a questo decreto a partire dal 28-29 Giugno 2013 anche l’Arabia Saudita si uniforma agli altri paesi confinanti del Golfo.

King Abdullah

Le ragioni per cui king Abdullah bin Abdul Aziz ha deciso per questo cambio epocale, e certamente d’impatto per i sauditi, sono molteplici e principalmente economiche.

Ferma restando la sacralità del Venerdì per i musulmani, prima dell’adeguamento del weekend, i giorni lavorativi in comune con gli altri paesi arabi erano solo 4 (Domenica, Lunedì, Martedì e Mercoledì) e addirittura solo 3 con tutti gli altri paesi del mondo non musulmani (Lunedì, Martedì e Mercoledì).

Questa sovrapposizione limitata da sempre era causa d’inefficienze e scarsa di produttività, senza contare le limitazioni agli scambi azionari e di merci con il resto del mondo per via dell’asincronia dei mercati finanziari.

Dopo la svolta saudita, ormai resta solo lo Yemen ad avere il weekend dal Giovedì a Venerdì anche se le discussioni per uniformarsi agli altri paesi arabi sono già in corso da tempo.