Un Boeing della US Airways in fase di decollo

American Airlines e Us Airways stanno trattando una fusione che porterebbe alla nascita della più grande compagnia aerea del mondo. La fusione, ormai nell’aria da diverso tempo, sembra quasi fatta.

L’accordo si dovrebbe basare su uno scambio azionario tra le due compagnie. L’accordo sembra una boccata di ossigeno soprattutto per American Airlines, ormai sull’orlo della bancarotta.

I creditori di American Airlines, infatti, sono i maggiori promotori di un accordo che consentirebbe loro di rientrare molto di più dei crediti che non seguendo le normali procedure fallimentari. D’altra parte, a volere un’intesa sono anche piloti, assistenti di volo e meccanici della stessa American Airlines.

Le trattative sono già in fase avanzata e sono condotte dai due amministratori delegati di American Airlines, Tom Horton, e Us Airways, Doug Parker. Parker sarebbe stato indicato come probabile amministratore delegato della nuova società, mentre per Horton si valuta il ruolo di presidente del consiglio di amministrazione.

La newco manterrebbe il nome American e il quartier generale in Texas.

Questo sodalizio fra American Airlines e Us Airways rappresenta l’ultimo passo del processo di consolidamento dell’industria aerea americana, lasciando American Airlines-Us Airways a competere negli Stati Uniti con le tre altre grandi compagnie aeree nazionali, tutte già passate per fusioni negli ultimi anni.

Un Boeing 757 dell’American Airlines in fase di decollo