IP-tracking: è possibile?

Pubblichiamo con piacere quanto apparso Domenica sul Corriere della Sera on line proprio perché quanto riportato è uno degli intenti principali di VolareWeekend.com: quello di essere strumento utile, sempre dalla parte del consumatore per permettergli di conoscere dove e tramite chi si può andare a prenotare al prezzo più conveniente senza incorrere in sgradite sorprese. Il tutto in un click… in maniera totalmente gratuita.

VolareWeekend.com non è un sito di prenotazioni, ma lo strumento gratuito utile per capire dove andare a fare la prenotazione più conveniente senza sorprese.

 

 

IP Tracking? È più di una sensazione se ce l’hanno in tanti. E il blog dedicato ai consumatori di Le Monde ha avuto il coraggio di darle voce. A chi non è mai capitato di andare a prenotare un biglietto online , verificare l’offerta e a distanza di poche ore trovare per la stessa tratta un prezzo più alto? Altra curiosa coincidenza: tra le 9 e le undici del mattino, orario in cui per definizione lavorano maggiormente le segreterie e i servizi generali delle imprese, i prezzi sono sempre più alti.

È una questione di algoritmi, dicono le compagnie di trasporto. È «IP tracking », dicono invece i lettori del quotidiano francese, cioè il modo con cui le aziende che fanno commercio elettronico sono in grado riconoscere il cliente: ne «tracciano» l’identità attraverso l’IP del computer.

Mistero. Segnalato un po’ ovunque, anche in Italia. «Abbiamo ricevuto qualche reclamo per comportamento non proprio cristallino da parte di diverse compagnie dei trasporti, soprattutto quelle low cost », racconta il presidente dell’Adusbef Elio Lannutti. Perché spesso basta il tempo di fare un giro di chiamate ai compagni di viaggio per accordarsi sulla data o dell’ok del capo per avere quel giorno libero in più e la spesa non è più la stessa: un allettante volo per Londra da 49 euro sale d’incanto a 79. Ufficialmente, non ci sono più posti disponibili a quella stessa tariffa. I lettori di Le Monde , tuttavia, hanno verificato che questa infelice coincidenza succede soltanto quando si prenota dallo stesso computer. Non succede quando ci si sposta sull’iPad del figlio o sulla postazione del collega”.

[…]

La prova sul campo, comunque, assolve i nostri maggiori operatori. Scelta una data (il 12 aprile) per prenotare un viaggio di sola andata da Milano a Roma in treno o in aereo alle otto del mattino, tutti e tre i gestori scelti hanno confermato l’offerta trovata al primo clic, con anzi il caso virtuoso di Trenitalia che in seconda battuta metteva in vendita un prezzo ancora più basso del precedente.

[…]