Nel centro di Pyongyang, capitale della Corea del Nord, sembra che finalmente sia giunta a conclusione la costruzione del Ryugyong Hotel, questo il suo vero nome, durata ben 25 anni.

Il suo soprannome è “Rovina” e deriva dagli assurdi ritardi accumulati negli anni che ne hanno fatto lievitare enormemente i costi di realizzazione. Ad alimentare la brutta fama di questo edificio ci si sono poi messe le brutte voci sulla pessima qualità dei materiali utilizzati nella costruzione oltre a sospetti su approssimativi errori di installazioni e montaggi.

Ad ogni modo, quando nel lontano 1987 ne è iniziata la costruzione, che sulla carta sarebbe dovuta durare solo due anni, l’hotel venne progettato per ospitare 150 stanze ai piani superiori e sale da ballo, uffici, negozi e ristoranti ai primi piani. Al suo completamento raggiungerà un’altezza di 330 metri divisi in 105 piani, diventando il quarantasettesimo edificio più alto al mondo e il quinto per numero di piani.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel 1992 i lavori vennero sospesi a causa della grave crisi economica che il governo nordcoreano stava attraversando per via dell’embargo, e ripresero solo quasi vent’anni dopo nel 2008 grazie a investimenti di privati. Per tutto questo tempo, lo scheletro dell’edificio è rimasto ad arrugginire e ad invecchiare dominando il panorama della città.

Oltre a tutte le vicissitudini vissute nella fase di costruzione, l’hotel è stato anche tristemente definito da più fonti come la più brutta costruzione al mondo.

http://ryugyonghotel.com/