Esistono luoghi imperdibili che devono essere visitati almeno una volta nella vita. Ecco le foto dei luoghi bellissimi da visitare nel mondo.

Nonostante la mano dell’uomo sia arrivata ormai ovunque a modificare i paesaggi e territori, spesso in modo violento e innaturale, nel mondo esistono ancora luoghi bellissimi da togliere il fiato. Luoghi che almeno una volta nella vita si dovrebbero visitare per tornare ad apprezzare e rispettare il pianeta in cui viviamo.

Si tratta di luoghi naturali come montagne, canyon plasmati dalla natura nel corso di millenni, formazioni rocciose incredibili, oceani dalle acque cristalline e isole spettacolari. Ma anche opere artificiali dell’uomo così imponenti e affascinanti da chiedersi come sia stato possibile realizzarle.

Di seguito, vi proponiamo una selezione di luoghi bellissimi da visitare nel mondo se si vuole dire di aver veramente fatto un viaggio ai confini della realtà.

 

1. Antelope Canyon (Stati Uniti)

Si trova all’interno del territorio Navajo vicino Page in Arizona. Questo Canyon include due distinte e separate zone conosciute rispettivamente come Antelope Canyon Superiore (detto anche “la spaccatura”) ed Antelope Canyon inferiore (il cavatappi). Il Canyon si è formato per l’erosione del territorio ad opera sia dell’acqua che del vento. All’interno del Canyon l’acqua piovana carica di detriti scorre velocemente erodendo e smussando i canali e dando alle rocce la tipica forma ondeggiante.

Foto di: James Marvin Phelps, Rob Inhood

Antelope Canyon (Stati Uniti)

2. Isole Phi Phi (Thailandia)

Sono tra l’isola di Phuket e la costa occidentale della Thailandia sul mare delle Andamane. Qui si trovano spiagge bellissime, formazioni rocciose spettacolari e acqua cristallina.

Foto di: Jo@net , Goianobe , CX15

Isole Phi Phi (Thailandia)

3. Santorini (Grecia)

È l’isola greca nel mare Egeo più famosa e affascinante. Qui si trovano paesaggi vulcanici, spiagge grigie e rosse, le tipiche casette bianche, viste mozzafiato sul mare e splendidi tramonti.

Foto di: MarcelGermain , Maggie & David

Santorini (Grecia)

4. Isole Maldive

Si tratta di un arcipelago di 26 atolli di forma anulare posti nell’Oceano Indiano all’altezza dell’equatore. Qui la terra ferma è di poco sopra il pelo dell’acqua, il mare cristallino, le spiagge sono bianche e protette dalla barriera corallina, abitata da ogni specie di pesci.

Foto di:iujaz, aquabumps

Isole Maldive

5. Machu Picchu (Perù)

Situato a 2430 metri di altezza sul versante orientale delle Ande, in mezzo ad una foresta montana tropicale, questo agglomerato urbano risalente al 1400, ai tempi dell’impero Inca, è oggi una delle sette meraviglie del mondo. Qui si possono ammirare imponenti mura, rampe di scale scavate nella roccia e terrazze. Risiedendo all’interno del bacino amazzonico, si trova anche una ricca biodiversità.

Foto di: Tati@, szeke, magnusvk

Machu Picchu (Perù)

6. Grande Muraglia (Cina)

Anche questa una delle sette meraviglie del mondo e dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Con una storia di oltre 2000 anni questa muraglia si estende per circa 8 mila km attraverso ogni tipo di paesaggio cinese, da est a ovest della Cina.

Foto di: Francisco Diez, topgold

Grande Muraglia (Cina)

7. Islanda

Qui fuoco e ghiaccio convivono in modo spettacolare offrendo spettacoli naturali unici al mondo.

Foto di: shchukin, Stuck in Customs

Islanda

8. Bora Bora (Polinesia Francese)

Emersa dalle acque circa 3 milioni di anni fa, quest’isola della Polinesia è di origine vulcanica, circondata da una barriera corallina che orspita una variegata fauna e flora acquatica.

Foto di: kenyai, jsmoral, Pierre Lesage

Bora Bora (Polinesia Francese)

9. L’Onda (Stati Uniti)

Si tratta di una formazione arenaria al confine tra Arizona e Utah formatasi circa 200 milioni di anni fa nell’era del Giurassico, quando in questa zona c’era solo un deserto sabbioso con grandi dune che venivano plasmate da forti venti. Quello che si osserva oggi è il risultato dell’azione di quei venti e della stratificazione delle dune che ne è seguita.

Foto di: Alaskan Dude, DIVA007

L’Onda (Stati Uniti)

10. Petra (Giordania)

È un’altra delle meraviglie del mondo e la maggior attrazione della Giordania. Si tratta di un’antica città scavata nella roccia dal popolo dei nabatei circa 2000 anni fa.

Foto di: ralwic, rwoan

Petra (Giordania)

11. Cava dei Cristalli (Messico)

Si tratta di una cava, tutt’ora in attività, nella miniera di Naica, all’interno dello stato messicano di Chihuahua. La cava si trova a 300 metri di profondità e vi si estraggono giganteschi cristalli di selenite.

Foto di: ourfunnyplanet, nicole_denise

Cava dei Cristalli (Messico)

12. Moraine Lake (Canada)

Quando questo lago si riempie durante lo scioglimento dei ghiacciai del Banff National Park, in Alberta (Canada), la sua acqua diventa di colore azzurro per via della rifrazione della luce sui depositi di sedimento roccioso sul fondo del lago.

Foto di: A tea but no e, T.P Photographie

Moraine Lake (Canada)

13. Grand Canyon (Stati Uniti)

È un canyon enorme scavato dal fiume Colorado nello stato americano dell’Arizona in circa 2 miliardi di anni di fenomeni erosivi. Si tratta di un canyon lungo 446 km, largo 29 km e profondo 1,6 km.

Foto di: carbonboy, paigeh

Grand Canyon (Stati Uniti)

14. Berry Head Arch (Canada)

L’arco si trova sul mare, sulla Spurwink Trail lungo la East Coast Trail. Si può fare trekking sul sentiero che lo attraversa, a strapiombo sul mare.

Foto di: Rexton

Berry Head Arch (Canada)

15. Monument Valley (Stati Uniti)

Non si tratta di una vera e propria valle, quanto piuttosto di una distesa ampia e piatta sul Plateau del Colorado costellata da formazioni rocciose che si ergono per decine di metri (fino anche a 300 metri). Le alte formazioni rocciose sono residui di arenaria che un tempo ricoprivano integralmente la zona.

Foto di: Wolfgang Staudt

Monument Valley (Stati Uniti)

16. Plitvice (Croazia)

È un parco nazionale croato circondato da montagne e costellato di 16 laghi dall’acqua color azzurro, verde e blu. Il colore delle acque non è costante, cambia in funzione della quantità di minerali e organismi presenti e dall’angolo di incidenza della luce solare.

Foto di: korom, mpancha

Plitvice (Croazia)

17. Preikestolen (Norvegia)

Noto anche come “Pulpito del Predicatore”, è un’imponente scarpata di 604 metri a picco sul fiordo Lysefjorden. La cima della scarpata è quasi piatta e misura circa 25×25 metri quadrati.

Foto di: Today is a good day

Preikestolen (Norvegia)

18. Pamukkale (Turchia)

Questo “castello di cotone”, in turco, è un sito naturale nel sudovest della Turchia. Qui si trovano sorgenti di acqua calda e terrazze di minerali carbonatici depositati dalle acque che vengono usate come sorgenti termali.

Foto di: Le Grand Portage, pic fix, RICCIO, sterol.andro

Pamukkale (Turchia)

19. Isola di Socotra (Yemen)

È considerata il maggior esempio di biodiversità del Mar Arabico. L’isolamento geologico dell’arcipelago, insieme alle elevate temperature e alla carenza d’acqua, hanno creato una flora unica e spettacolare: circa il 37% delle specie di piante trovate su Socotra sono infatti tipiche di questo posto e non si trovano da nessun’altra parte al mondo.

Foto di: over-logging, Soqotra (Yemen)

Isola di Socotra (Yemen)

20. Lago Carrera

Si trova a cavallo tra Argentina e Cile ed è il più profondo lago del Sud America. Le sue acque attraversano tutte le tonalità di azzurro e lentamente hanno modellato il marmo circostante creando spettacolari conformazioni rocciose.

Foto di: Feffef

Lago Carrera

21. Bagan (Myanmar)

È un’antica città che per la maggior parte venne edificata tra l’undicesimo e il tredicesimo secolo quando era capitale del Myanmar. Impressionante il numero e la dimensione dei suoi antichi monumenti, che giacciono su una superficie di circa 40 km quadrati. La città venne pesantemente danneggiata durante un terremoto nel 1975.

Foto di: Martin Sojka

Bagan (Myanmar)

22. Salar De Yuyni (Bolivia)

Si tratta della distesa di sale più grande al mondo con i suoi 10.582 Km quadrati. Si trova nel sud-ovest della Bolivia, vicino la cresta delle Ande, a 3.656 metri di altitudine. La sua formazione è il risultato della trasformazione di diversi laghi preistorici: è coperto da alcuni metri di crosta di sale incredibilmente piatta.

Foto di: Tomas Rawski, szeke, jo vh, kk+

Salar De Yuyni (Bolivia)

23. Ha Long Bay (Vietnam)

Questa baia viene indicata anche come una meraviglia del mondo, oltre che essere la più bella destinazione turistica di tutto il Vietnam. Una leggenda dice che un drago sceso dal cielo per difendere la gente del posto avesse sputato gioielli e giada nel mare. Queste pietre preziose sarebbero rappresentate dalle bellissime conformazioni rocciose che spuntano dall’acqua. Nella baia si trovano inoltre barriere coralline, grotte e stagni oltre a un ricco ecosistema.

Foto di: chii :3, Andrew Hux, fra.ps

Ha Long Bay (Vietnam)

24. Angkor Wat (Cambogia)

È un tempio di Angkor costruito dal re Suryavarman II agli inizi del dodicesimo secolo come esempio di architettura Khmer. In tutto il sito archeologico è l’unico tempio a essere rimasto. È diventato simbolo della Cambogia e appare sulla bandiera nazionale.

Foto di: Stuck in Customs, lecercle, Captain Kimo, “Back in Florida”, A_E_P

Angkor Wat (Cambogia)

25. Cascate di Iguazu (Argentina & Brasile)

Sono più alte delle cascate del Niagara e larghe addirittura il doppio. Comprendono 275 cascate sparse a forma di ferro di cavallo alimentate dal fiume Iguazu. Le cascate sono il risultato di un’eruzione vulcanica che lasciò l’enorme fenditura nella terra.

Foto di: Miriam Cardoso de Souza, VISÃO PHOTO & CINE CL, ewanr, SF Brit

Cascate di Iguazu (Argentina & Brasile)

26. Dodici Apostoli (Australia)

Sono delle enormi conformazioni rocciose che spuntano dall’Oceano Australe rendendo bellissima la linea costiera di Victoria. Vennero create dalla costante azione erosiva dell’Oceano Australe e dei venti contro le scogliere calcaree del continente iniziata trai 10 e i 20 milioni di anni fa. L’erosione creò delle caverne, le quali poi diventarono archi e infine pile rocciose isolate dalle coste dopo il collasso.

Foto di: emmettanderson

Dodici Apostoli (Australia)

27. Yosemite National Park (Stati Uniti)

Questo parco naturale californiano, California è molto noto per le sue cascate, ma anche per le sue profonde vallate, i grandi prati, le antiche sequoie giganti e una vasta area selvatica.

Foto di: tychay, Christopher Chan, *~Dawn~*

Yosemite National Park (Stati Uniti)

28. Meteora (Grecia)

Si tratta di un’area della Tessaglia, nella Grecia Centrale, costellata di torri di roccia. In cima a una di queste torri rocciose si trova un monastero.

Foto di: bogdan, homas Depenbusch und Marina Depenbusch-Zharova, peperoni

Meteora (Grecia)

29. Ghiacciaio Perito Moreno (Argentina)

Questo ghiacciaio del Parco Nazionale Los Glaciares è una delle attrazioni turistiche più importanti della Patagonia argentina. È lungo 30 km ed è solo uno dei 48 ghiacciai alimentati dal sistema montuoso delle Ande. È la terza riserva di acqua naturale al mondo.

Foto di: Piero…, Andres_age, rsepulveda, dirkoneill

Ghiacciaio Perito Moreno (Argentina)

30. Bryce Canyon (Stati Uniti)

Questo canyon, anche se è il più piccolo dello Utah, contiene numerose bellissime e improbabili formazioni rocciose.

Foto di: Moyan_Brenn, Paul Fundenburg

Bryce Canyon (Stati Uniti)

31. Seychelles

Sono un complesso di 115 isole sparse nell’Oceano Indiano. Il loro punto forte sono le spiagge di sabbia bianca di fronte a un mare cristallino, con alle spalle rigogliose colline e pendii di roccia.

Foto di: dibaer, rachel_thecat, seychelles.travel

Seychelles

32. Le Piramidi di Giza (Egitto)

Sono i più famosi resti dell’antico Egitto. Costruite circa 4.500 anni fa come tombe di re egizi sul plateau di un deserto roccioso in prossimità del fiume Nilo, tutt’oggi sono oggetto di grandi studi per cercare di capirne il simbolismo.

Foto di: modenadude, WanderingtheWorld

Piramidi di Giza (Egitto)

33. Azzorre (Portogallo)

Sono un arcipelago di nove isole di origine vulcanica nell’Oceano Atlantico. Vista l’origine di tipo vulcanico (gli antichi crateri sono ancora visibili), qui la natura è lussureggiante e l’attività vulcanica ancora viva.

Foto di: Patxi64, eduardowallenstein, F H Mira, joeri-c

Azzorre (Portogallo)

34. Positano (Italia)

Da villaggio di pescatori, questo paesino arroccato sulla scoscesa costiera amalfitana è diventato una delle più importanti ed esclusive mete turistiche.

Foto di: thapgood, AlaskaGM, Italy Travel Experience

Positano (Italia)

35. Tanah Lot (Bali)

Sulla costa della parte occidentale, presso il villaggio di Beraban, si trova questo tempio costruito su un piccolo promontorio in mezzo al mare accessibile solo con la bassa marea. Sul promontorio, si trovano anche molti serpenti velenosi che si dice siano lì per custodirlo.

Foto di: fabiogis50, mikaku, Christopher Chan

Tanah Lot (Bali)

36. Isola di Palawan (Filippine)

È un’area protetta e la più grande riserva naturale del mondo. Praticamente un paradiso terrestre, qui si può fare qualsiasi tipo di attività subacquee.

Foto di: Mr. Alexander, Storm Crypt

Isola di Palawan (Filippine)

37. Salto Angel (Venezuela)

Sono cascate del Venezuela (anche note col nome di “cascate paradiso”) famose per essere le più alte del mondo con un salto di 979 metri (di cui 807 ininterrotto). Si trovano in una zona piuttosto isolata e di difficile accesso, in mezzo a una jungla.

Foto di: Inti

Salto Angel (Venezuela)

38. Monti Tianzi (Cina)

Sono una catena montuosa della regione di Wulingyuan composta di migliaia di picchi dalla forma pittoresca, dove il più alto raggiunge i 1262 metri di altezza.

Foto di: Richard J, john0philip, whertha, mke1963, Salander, lacitadelle

Monti Tianzi (Cina)

39. Uluru (Australia)

Detto anche Ayers Rock, è il più grande monolite al mondo e sito sacro agli aborigeni australiani.

Foto di: Franco Caruzzo, TheCreativePenn

Uluru (Australia)

40. Pozza di Hamilton (Stati Uniti)

È stata una storica area balneare fino al 1990, in seguito adibita a riserva naturale. La pozza si trova in Texas a circa un miglio dalla confluenza del fiume Hamilton con il Pedernales. Scaturisce da un affioramento calcareo che genera una cascata alta 50 piedi che si versa dal tetto di un ripido box canyon. La cascata non si asciuga mai completamente, ma si riduce ad un semplice lento gocciolio nella stagione secca. Nonostante ciò il livello delle acque in questa vasca naturale è circa sempre costante.

Foto di: Knowsphotos, DaveWilsonPhotography, mlhradio, Jim Nix, Nomadic Pursuits, Soul_Smiling

Pozza di Hamilton (Stati Uniti)

Manca qualche luogo a questa lista? Diteci la vostra!